Concerti

SOLLO AND GNUT - Nu'Tracks/Teatro Bolivar

16.12.2021

Teatro Bolivar
Napoli

Prezzi biglietto


ATTENZIONE: per acquistare i biglietti di questo spettacolo NON è necessaria la registrazione sul sito Go2.it


Acquista

Attive le vendite per
SOLLO AND GNUT - Nu'Tracks/Teatro Bolivar
16/12/21 H21.00
Teatro Bolivar - Napoli

DOVE
Teatro Bolivar
Via Bartolomeo Caracciolo 30

ORARIO e PREZZO
Open 20:30 - Start ore 21:00
Ticket 13€ (posto unico)
INFO: info@nutracks.it | + 39 329 275 26 20

POSTI LIMITATI
L’evento si svolgerà in totale sicurezza, nel rispetto del distanziamento sociale.

Per motivi di sicurezza vi chiediamo di rispettare gli orari indicati. Il live inizierà alle ore 21.00.

Vi chiediamo di arrivare alla struttura muniti di mascherina e di un documento di riconoscimento.

L’accesso all' evento è possibile solo se muniti di GREEN PASS

Con questo concerto si presenterà il disco in Vinile del concerto live al Pio Monte della Misericordia nell’ambito del Nu’Tracks Festival.

L’ORSO ‘NNAMMURATO


(ad est dell’equatore)

l’orso ‘nnammurato è un libro di poesie, ed è anche un CD. La pubblicazione, che verrà presentata in anteprima il 21 dicembre presso lo studio “Auditorium Novecento” (ex Phonotype Records) di Napoli, nasce dalla collaborazione tra Sollo e Gnut.

Alessio Sollo, napoletano nato nel quartiere Bagnoli ai tempi dell’Italsider, di 29 febbraio. Musicista e cantante di estrazione punk da sempre, scopre da qualche anno la vocazione alla poesia, sia in vernacolo sia in italiano.
Claudio Domestico, in arte Gnut, nato a Napoli nel 1981, è un cantautore, chitarrista, produttore e compositore di colonne sonore. Le sue influenze sono ampie: dal folk inglese di Nick Drake e John Martin al blues, alla musica napoletana e alle melodie africane del Mali.
“Furono gli occhi infiniti di quella donna a dettarmi le parole de L’orso ‘nnammurato – racconta Sollo nel libro. La pubblicai su Facebook. Un’ora dopo il mio amico Claudio mi invia una sua canzone. “Dimmi che te ne pare?”, mi fà: “È proprio bella”, rispondo io. Solo il giorno dopo avrei capito che aveva musicato le mie parole, che quella era la prima canzone scritta insieme. L’inizio di una fratellanza umana e artistica che avrebbe reso migliore la mia vita...”.

Il libro-disco è composto da 64 poesie, 14 delle quali divenute canzoni, musicate, cantate e suonate da Gnut insieme ai musicisti della sua band (Marco Caligiuri, Valerio Mola, Luca Caligiuri, Gianluca Capurro, Michele Signore, “Mr. Coffee” Daniele Rossi) e ospiti speciali quali Ciro Riccardi, Brunella Selo, Dolores Melodia, Andrea Tartaglia, Monia Massa, Luca Rossi e Alexander Cerdà.

Nel libro, si affacciano qua e là, tra le poesie, anche le partiture musicali delle canzoni del disco, i credits con i nomi dei musicisti e alcuni scritti di Alessio Sollo, oltre ad un nutrito glossario perché, come diceva Pino Daniele, “Si capisce è buono, sinnò te futte”. Ma senza esagerare.



Partners